Mercato elettrico
MERCATO LIBERO
La liberalizzazione del mercato elettrico italiano, avviata con il decreto Bersani in applicazione della Direttiva Comunitaria CE 96/92 e sancita nella legge 125/07 a decorrere dal 1°Luglio 2007, ha determinato nuovi scenari favorevoli a tutti gli utenti di energia elettrica. L’obbiettivo era creare e regolamentare un effettivo mercato per la produzione e la compravendita dell’energia elettrica basata sui principi di concorrenza e trasparenza. Grazie al nuovo assetto del settore elettrico Italiano, che ha separato l’attività di vendita da quella di distribuzione, e a le nuove norme per il mercato libero, ora tutti i clienti (dalle famiglie alle aziende) possono scegliere autonomamente il proprio fornitore energetico. 

Con la liberazione del mercato è stata istituita l’Autority (A.E.E.G.) la cui funzione è favorire lo sviluppo dei mercati concorrenziali per i settori dell’energia elettrica e del gas metano, principalmente tramite la regolazione tariffaria, dell’accesso alle reti, il funzionamento dei mercati e la tutela dei clienti finali.

L’A.E.E.G. tutela anche i clienti che hanno scelto il mercato libero, attraverso la definizione di un apposito Codice di Condotta Commerciale garantendo così la qualità del servizio.

 
MERCATO DI MAGGIOR TUTELA
 Ai sensi del D.L. del 18/06/2007, n. 73 appartengono al servizio di Maggior Tutela I clienti che decidono di non entrare nel mercato libero o che rimangono senza fornitore ed usufruiscono del servizio di fornitura dell’energia elettrica, erogato alle condizioni contrattuali ed economiche (aggiornate trimestralmente) stabilite dall'AEEG
Hanno diritto ad aderire al servizio di Maggior Tutela:
- i clienti domestici;
- le piccole imprese connesse in bassa tensione, aventi meno di 50 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro. 

In qualsiasi momento, ogni cliente del Servizio di Tutela, può accedere ad un contratto di fornitura nel mercato libero , se sei tra questi o vuoi cambiare fornitore consulta le nostre
OFFERTE LUCE.

Torna alla lista        Stampa