Mercato del gas
Mercato Libero
In data 23 maggio 2000 è stato avviato il processo di liberalizzazione del mercato del gas naturale, adottando nell’ordinamento Italiano il decreto legislativo n° 164, in attuazione della direttiva del Parlamento Europeo  n° 98/30/CE, al fine di favorire la nascita di un mercato concorrenziale del gas naturale. Questo permette adesso, a tutti i clienti, di scegliere autonomamente il proprio fornitore di gas tra una pluralità di operatori del Mercato Libero che propongono offerte diverse fra loro.

La liberalizzazione ha riguardato principalmente alcune fasi della filiera, come la distribuzione locale e la vendita, in passato gestite congiuntamente ed in regime monopolistico da una stessa azienda. Con l’entrata in vigore della nuova normativa, tali società hanno dovuto   separare le due attività, affidandole ad aziende diverse. In particolare, il distributore continua ad occuparsi della gestione della rete, e quindi della sua manutenzione, dei nuovi allacciamenti e del servizio di pronto intervento gas, garantendo le medesime condizioni economiche e modalità di accesso per tutti i clienti.Il venditore si occupa dell'approvigionamento all'ingrosso e la vendita al cliente finale del gas naturale , gestendo il servizio e  tutte le pratiche connesse al distributore come unico interlocutore per il cliente finale. Da ciò si ricava quindi che i clienti rimangono allacciati alla rete dell'azienda distributrice locale, ma possono acquistare il gas naturale da una società di vendita diversa.

L’A.E.E.G. tutela i clienti che hanno scelto il mercato libero, attraverso la definizione di un apposito Codice di Condotta Commerciale, riguardante sia il mercato gas che quello elettrico, garantendo così la qualità del servizio.

Mercato Tutelato
I clienti che ancora non sono entrati nel mercato libero , usufruiscono del servizio di fornitura del gas naturale, erogato alle condizioni contrattuali ed economiche (aggiornate trimestralmente) stabilite dall'A.E.E.G. (Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas). In tal caso si parla di Mercato di Tutela, a cui hanno diritto ad aderire:
  • Tutti i clienti domestici; 
  • I condomini con uso domestico con consumi fino a 200.000 mc annui; 
  • Le attività di servizio pubblico;
  • Le imprese con consumi inferiori a 50.000 mc annui.
In qualsiasi momento, ogni cliente del Servizio di Tutela, può firmare un contratto di fornitura nel mercato libero , se sei tra questi o vuoi cambiare fornitore consulta le nostre OFFERTE GAS.

Torna alla lista        Stampa